Manutenzione WordPress (completa)

La manutenzione WordPress deve essere fatta molto di frequente onde evitare problemi di vario tipo quindi fare la manutenzione del proprio sito web è molto importante. Oggi spiegherò come farla in modo corretto.

Manutenzione WordPress

Quanto spesso devo aggiornare WordPress?

Personalmente, generalmente effettuo la manutenzione WordPress una volta al mese ma se sono aggiornamenti che correggono problemi di sicurezza, allora aggiorno tutto nel giro di poche ore in quanto la sicurezza è di fondamentale importanza.

Trascurare gli aggiornamenti per mesi o addirittura anni lascia il tuo sito web vulnerabile ad attacchi hacker e può creare incompatibilità con temi, plugin ecc.

Anche gli aggiornamenti a volte possono creare delle problematiche in quanto qualche bug può causare un malfunzionamento all’interno del nostro sito web, per questo faccio passare sempre qualche settimana prima di effettuare la manutenzione del mio sito web.

Passaggio 1: decidere quando eseguire gli aggiornamenti di WordPress

Quando gli aggiornamenti sono in esecuzione, WordPress entra in “modalità di manutenzione” e mostra agli utenti sul sito un messaggio che dice “sito non disponibile per manutenzione. Ricontrolla tra un minuto”.

Ovviamente vorrai che il minor numero possibile di utenti veda questo messaggio quando WordPress entra in manutenzione e vuoi anche ridurre al minimo il rischio che un aggiornamento possa mettere fuori uso il sito web, quindi ti consiglio di controllare Google Analytics e scegliere il momento in cui poche persone accedono al tuo sito web onde evitare che i tuoi lettori si trovino di fronte una pagina in manutenzione.

Passaggio 2: aggiorna WordPress Core

WordPress è un software open source quindi chiunque può studiare il codice sorgente completo per impararlo e migliorarlo, tuttavia questo significa che anche gli hacker possono studiarlo e trovare modi per accedere e danneggiare il tuo sito, quindi ti consiglio di mantenere aggiornato WordPress.

Oltre alla sicurezza, le nuove versioni di WordPress in genere aiutano anche il tuo sito a funzionare più velocemente e in modo ancora più efficiente.

Passaggio 3: aggiorna i plugin iniziando da quelli principali

Di tutti gli aggiornamenti che potrebbero danneggiare il tuo sito, i principali colpevoli sono sicuramente i plugin. Troppi plugin possono ingombrare e rallentare i siti WordPress e i plugin poco aggiornati possono distruggere completamente il sito.

Se hai molti plugin da aggiornare durante un periodo di manutenzione è generalmente consigliato iniziare con quelli che controllano gran parte del sito. Alcuni esempi potrebbero essere Elementor, WPML e WooCommerce

In genere è sicuro abilitare gli aggiornamenti automatici pero solo in quelli utilizzati da milioni di persone in quanto il rischio che possano creare problemi alla manutenzione di WordPress è minimo.

Passaggio 4: aggiorna il tema

manutenzione tema wordpress

Per qualche ragione che non comprendo molti proprietari di siti web non sembrano rendersi conto che il loro tema deve essere aggiornato; forse pensano -erroneamente- che, poiché ha a che fare con il design, non contenga lo stesso tipo di funzioni dei plugin o del core di WordPress che hanno aggiornamenti del codice regolari. Qualsiasi tema tu intenda adoperare deve essere costantemente aggiornato.

Vai su Aspetto > Temi e vedrai una notifica che ti indicherà che quel tema WordPress deve essere aggiornato.

Passaggio 5: aggiorna la versione PHP (manutenzione WordPress)

PHP è un linguaggio di programmazione -lato server- open source in cui sono scritti i file WordPress. L’aggiornamento della base di codice dopo una nuova versione può sembrare spaventoso e complicato, ma in realtà è uno dei modi più semplici per far caricare il tuo sito web più velocemente e in modo più sicuro.

Una volta ottenuto l’accesso al tuo server, bastano pochi click per aggiornare la versione di Php in utilizzo.

È impossibile fornire istruzioni dettagliate su come aggiornare la versione php perché varierà in base all’interfaccia utente del server. Se non sei sicuro, il tuo hosting dovrebbe fornirti un tutorial o aggiornarlo lui stesso.

Se non riesci a individuare la versione PHP su cui è in esecuzione il tuo sito web, puoi utilizzare il plug-in Visualizza versione PHP.

Includi nella manutenzione di WordPress l’aggiornamento delle password

L’aggiornamento delle password è una pratica che non dobbiamo dimenticare; ovviamente non è necessario cambiare la password ogni settimana, ma almeno cambiala ogni tre mesi. La password che decidi di utilizzare deve essere univoca, non usarla su altri siti web e non condividerla con nessuno.

Elimina commenti spam

manutenzione commenti

Anche lo spam che ricevi finisce nel database, quindi elimina tutti i commenti spam in quanto sono la causa di rallentamenti improvvisi al tuo sito web.

Conclusione

Mantenere aggiornati il ​​software, i temi e i plug-in di WordPress è necessario per la sicurezza e le prestazioni del tuo sito web.

La frequenza con cui intendi aggiornare WordPress dipende da quanto è importante per te la velocità e la sicurezza del tuo sito web.

Per farlo in sicurezza, assicurati di aver eseguito un backup WordPress e di essere in grado di ripristinarlo nel caso in cui qualcosa vada storto.

Se hai domande sulla manutenzione del sito web WordPress, lascia un commento qui sotto o utilizza la chat per farti aiutare con la tua manutenzione WordPress.

Leave a Reply

Guide per la realizzazione di siti web